Ubuntu installato anche sul Surface Pro

surface_pro_ubuntu

Il mondo di Linux è bello perché è vario. Qualche tempo fa abbiamo visto come alcuni sviluppatori durante il Google I/O erano riusciti ad installare Ubuntu sui Google Glass. Ora, ci è giunta la notizia di uno sviluppatore che è riuscito ad installare Ubuntu sul Microsoft Surface Pro.

Obbiettivamente chiacchierato, il Surface Pro è un ottimo dispositivo, con una configurazione hardware davvero interessante: processore Intel i5, 4GB RAM, un prestante disco SSD da 64GB e un display da 10.1 pollici molto molto bello. Le caratteristiche tecniche rendono il dispositivo ottimo per l’utilizzo anche con Ubuntu, vista la direzione sempre più touch-friendly.

La guida, resa disponibile dall’utente, non è semplicissima ma chi ha un po’ di dimestichezza con GNU/Linux e partizionamenti vari non incontrerà grandi difficoltà. Certo, si presuppone che chi acquista un dispositivo come questo lo faccia principalmente per sfruttare appieno l’OS Microsoft, ma il bello di GNU/Linux è proprio questo: essere (più o meno) pronto ad essere eseguito su qualsiasi dispositivo.

Tag: , , , , , ,

Commenti

  1. [1]

    dal MS store:
    Surface Pro da 128 GB + Surface Cover con tasti
    €1.128.99

    Davvero con 1100€ non si trova di meglio, per installarci ubuntu?!
    MA i $oldi voi li c4g4te 2 volte al di?!

  2. [2]

    In tema di agenda digitale italiana bisognerebbe adeguare e sviluppare lo strumento didattico docenti-alunni già pronto e diffuso per i tablet android di samsung e lavorare proprio su quanto già pienamente disponibile e realizzato da Canonical e ubuntu (liberato da componenti non libere).
    Il fatto che i politici italiani con posizioni apicali come Passera e Profumo spesso e volentieri sospingano i politecnici e le strutture educativee e quindi indirettamente pubbliche amministrazioni (ente RAI ad es. silverlight) e privati start-up verso i sistemi proprietari e soggioganti mac e Microsoft, (proprietà degli uomini più ricchi del mondo e neanche italiani) spiega molte cattive intenzioni di asservimento culturale, tecnologico ed economico da parte di una classe dirigente forse non incapace ma sicuramente in malafede e corrotta per il male di tutti gli italiani.
    Se i nostri figli non avranno più libri cartacei ma studieranno sui tablet o su altri elaboratori, questi dovranno funzionare istituzionalmente con SOFTWARE LIBERO o quanto meno con codice sorgente aperto.

  3. [3]

    Beh per farlo ha avuto bisogno di un “tablet” con architettura Intel, che non è altro che un notebook con la tastiera staccabile e lo schermo touch.
    E non essendo la richiesta commerciale di tali accrocchi elevata è logico che i prezzi siano alti.

  4. [4]

    Questa cosa non ha alcun senso. Che senso ha comprare un Surface Pro pagando il sistema operativo (windows 8) in esso installato, per poi metterci sopra ubuntu, con le conseguenti mancanze di software professionali di livello, e compatibilità varie? La gente di linux si concentri piuttosto a rendere il loro sistema Gnu/linux non deframmentato. Concentratevi su questo, non ha perdere tempo per installare ubuntu anche nei water. A che scopo poi. Lo sviluppatore Tizio ci è riuscito sul surface pro, e adesso? Installare linux ovunque li soddisfa sessualmente probabilmente.

  5. [5]

    Errori di battitura varia. Ho scritto da tablet…sorry about that!

  6. [6]

    @Rope
    Tablet con installato sopra Ubuntu, immagino ;)

  7. [7]

    ;-) ahahah…
    android…;-)

  8. [8]

    @telperion:
    se c’è gente che è disposta a pagarne il doppio solo per avere una mela morsicata che si illumina… fai un pò te…
    @Rope:
    Be il surface pro ha un hardware di tutto rispetto, non è un semplice tablet con processore arm, non è un semplice notebook con atom mono/dual core, è un portatile touch. Il problema delle applicazioni ci sarebbe stato comunque a prescindere dall’hardware, di certo a quella cifra mi frega cavolo di che sistema operativo ci sia sopra, ma se proprio dovessi scegliere lo preferirei con linux, magari non ubuntu ma queste sono solo considerazioni personali. Sentirsi appagati sessualmente mi sembra un pochino offensivo per chi non ha fatto nulla di grave ma ha solo illustrato come sia possibile fare qualcosa. Cosa ognuno vuole fare con la propria è affar suo finché rispetta la legge e la libertà altrui.

  9. [9]

    Ho visto delle immagini dove é stato installato hackintosh dentro uno di questi surface pro.
    Sembra un bel prodotto per la personalizzazione.

    Comunque Ubunto nel Pro é una bazzecola, la vera sfida é installare Arch su RT, che ha ARM!

  10. [10]

    “se c’è gente che è disposta a pagarne il doppio solo per avere una mela morsicata che si illumina… fai un pò te…”
    .
    ribadisco il concetto:
    Davvero con 2000€ non si trova di meglio, per installarci ubuntu?!
    MA i $oldi voi li c4g4te 2 volte al di?!
    nota bene il “per installarci ubuntu?!”
    Se poi spendi 1000 o 2000 euro per l’oggetto in se, cavoli tuoi, si vede che ha soldi da buttare o ti devi comprare per forza uno status symbol per compensare altro, cavoli tuoi.

  11. [11]

    @Black_Codec
    “cavoli tuoi” ovviamente in senso figurativo, non riferito a “te”

  12. [12]

    Ma se uno si diverte dov’è il problema? Magari glielo hanno regalato e dopo due giorni ha pensato di metterci ubuntu per provare se riusciva! Magari caga davvero oro e l’ha comprato per sfizio, la cosa ti turba tanto?

  13. [13]

    Un geek ha installato Ubuntu sul surface ed ha illustrato come fare. Fine.
    Non è un fenomeno di massa, di che state parlando dunque? DI NIENTE. Siete delle civette da gossip con un disperato bisogno di comunicare, finendo per dire STR0NZATE!

  14. [14]

    lol
    Debian devono installarla sulla Stazione Spaziale Internazionale perchè se ne parli, ubuntu su qualunque cavolata fa “il botto” mediatico.
    Pubblicità occulta, a ubuntu e surface pro.

  15. [15]

    @telperion
    Se su quel tablet installavano Debian, si parlava di Debian.
    Se sulla ISS installavano Ubuntu, si parlava di Ubuntu.
    Abbiamo finito con le rosicate a vuoto?

  16. [16]

    In Italia il ministro dei negri è un negro. WOW !!!

  17. [17]

    “Abbiamo finito con le rosicate a vuoto?”
    .
    ma rosicate “de che”?!
    Ubuntu avrà pure chiuso il bug#1,
    ma restano da chiudere gli altri 90.000
    Unbakunicu = parola africana che significa “non è mai a posto”
    LOL

  18. [18]

    Mi ricordo che, specialmente nel mondo del software libero, alla domanda “perché fai la cosa X?” si rispondeva semplice “perché *posso* farla”.

  19. [19]

    @telperion
    “Debian devono installarla sulla Stazione Spaziale Internazionale perchè se ne parli, ubuntu su qualunque cavolata fa “il botto” mediatico.” <- queste rosicate.

  20. [20]

    @telperion

    In psicologia la tua sindrome si chiama “invidia del pene” XD

    L’ha fatto perchè poteva farlo.

  21. [21]

    Però fa sempre 20 commenti. Sul niente, ma comunque 20 commenti…

Inserisci il tuo commento