Le difficoltà di Compiz e il futuro di Unity

Unity

Era la sera di natale dello scorso anno quando Sam Spilsbury, il principale sviluppatore di Compiz, annunciò il fallimento del suo progetto con un post molto intenso sul suo blog. Da allora è passato più di un mese e molte distribuzioni hanno già preso atto della situazione infelice in cui si è arenato Compiz.

Che Compiz non godesse di buona salute era cosa nota. L’ultima major release risale ormai a luglio di due anni fa e le prestazioni e la stabilità del prodotto hanno spesso subito forti regressioni. Inoltre lo sviluppo, se escludiamo la mole di commit provenienti da Ubuntu, sarebbe già praticamente azzerato.

Nonostante la fama del progetto il danno derivante da un abbandono di Compiz non sarebbe eccessivamente elevato. Dopotutto i maggiori desktop environment hanno già da tempo costruito i propri personali compositing window manager (GNOME con Mutter e KDE con l’ormai maturo KWin).

In questo panorama però si inserisce Unity, l’interfaccia utente di default di Ubuntu. Come è ben noto Unity altro non è che un plugin di Compiz e tutte le difficoltà di quest’ultimo si ripercuotono inevitabilmente sul primo.

Se Compiz dovesse scomparire cosa ne sarà di Unity? Sul web corrono molte ipostesi. Alcuni ipotizzano che Ubuntu possa accollarsi lo sviluppo di Compiz. Altri, invece, ipotizzano frettolose inversioni di rotta e il conseguente abbandono di Unity. L’ipotesi più gettonata e probabile resta però il completo passaggio alle Qt. L’utilizzo delle Qt anche per la versione 3D dell’interfaccia, analogamente all’esperienza di Unity 2D, sembra essere la strada più semplice e percorribile per non affondare insieme alla nave Compiz.

Ripeto, soto tutte voci non ufficiali ma se anche Fedora pensa di rimuovere Compiz dai suoi archivi, il tempo a disposizione di Ubuntu per fare una scelta al riguardo sembra ormai agli sgoccioli.

Tag: , ,

Commenti

  1. [1]

    Quanta approssimazione….
    Come fa un progetto opensource a “sparire”? Canonical ne sta continuando lo sviluppo (o meglio continua a sviluppare quello che le serve) quindi che problema c’è? Esistono progetti ben più complessi che non hanno le risorse che oggi canonical sta dedicando a compiz (gimp ad esempio)

    Cosa c’entra se l’ultima major release risale a 2 anni fa? nel frattempo sono uscite varie release intermedie. l’ultima major release di Kwin risale a 2 mesi dopo l’ultima major release di compiz.

    Inoltre la strada delineata da Canonical non sembra prevedere l’abbandono di compiz, almeno non in tempi così rapidi. Anche senza il compositing (che sarà gestito in wayland) avranno bisogno di un windows manager e compiz potrebbe essere la scelta migliore (già oggi unity-2d può usare compiz come WM).

  2. [2]

    Tra l’altro io uso la versione 0.8.9 quindi ancora la “vecchia” originale scritta in C, e funziona benissimo con gnome 3, quindi non è che deve uscire una versione nuova ogni 6 mesi, basta fare un minimo di manutenzione per la compatibilità con le nuove librerie.
    Esempio banalissono DIY
    http://goo.gl/ytVgF
    Il problema nasce dal porting in C++ (compiz 0.9) che ha creato molti problemi non risolti, mentre sopra ci si costruiva altra roba per unity.
    Ovviamente con le fondamenta scricchiolanti, tutto l’edificio traballa.

  3. [3]

    Canonical per il momento si limita a limare i bug. Questo approccio alla lunga non è sostenibile e in quel di Ubuntu lo sanno bene, specie dopo i problemi incontrati durante il ciclo di sviluppo di Oneric.

    Canonical può accollarsi per intero lo sviluppo di compiz? Certo. Ma non è detto che lo faccia.

  4. [4]

    Paragonare Mutter e Kwin a Compiz non ha senso, sono molto più limitati e meno personalizzabili e anche come performance siamo lontani.
    Ogni volta che li provo, mi sembra di passare da una BMW serie 7 ad una Panda.

  5. [5]

    Dato che lo fanno in tanti non vedo perché adesso dovrebbe essere senza senso.

    Giusto per questioni di cronaca lascio qualche benchmark al riguardo.

    http://www.phoronix.com/scan.php?page=article&item=linux_desktop_managers1&num=1

    http://blog.fishsoup.net/2011/06/13/benchmarking-compositor-performance/

  6. [6]

    @Davide
    non ha senso, non in termini assoluti, sono pur sempre WM, ma il “look&fell” di compiz, unito a ottime performance (versione 0.8 la 0.9 ha problemi pure a spostare ridimensionare le finestre oltre che ha blocchi di sistema dopo 15-20 ore di utilizzo consecutibo) è assolutamnete superiore, come pure la possibilità di personalizzazione totale del medesimo.
    Certo può essere complicato, ma complicazione o cattivi default, non possone essere una scusa per proporre soluzioni per dummy senza personalizzazioni.
    Le soluzioni idiot-like alla gnome shell sono una vergogna, se linux deve diventare così, allora meglio tornare a windows.

  7. [7]

    Allora anche:
    Le difficoltà di Kubuntu ed il suo futuro:
    http://blogs.kde.org/node/4531

  8. [8]

    Continuo a non capire:
    “Canonical per il momento si limita a limare i bug. Questo approccio alla lunga non è sostenibile ”

    Cosa significa?
    Sistemati i bug (e ormai tutti i principali lo sono, almeno su ubuntu) e magari ottimizzare un po’ di cose cos’altro c’è da fare su un WM potente come compiz? Cosa gli manca rispetto agli altri WM?

  9. [9]

    Secondo me passeranno alle Qt anche per Unity 3D. La versione 2D ad oggi è:
    -stabile, più della versione con compiz
    -veloce, più della versione con compiz
    -celere nello sviluppo, molto più della versione con compiz. Pare che questo sia poi duvuto all’uso del linguaggio QML
    -più leggera in termini di risorse.
    Il tutto senza perdere in bellezza estetica. Penso quindi che per Precise 12.04 terranno ovviamente Unity-compiz, poi passerranno dalla 12.10 a creare la versione 3D anch’essa in Qt, magari partendo prorpio dall’ottimo codice che c’è per Unity 2D. Le Qt 5 gireranno perfettamente con Wayland e quindi quando (tra anni sicuramente) questo software potrà pensionare Xorg, fare il passaggio sarà semplice.
    Un solo indizio per motivare quello che dico: Telperion in #7 ha messo il link sulla chiusura al finziamento di Kubuntu. E lo sviluppatore stipendiato da Canonical per lavorarci sapeva che fine farà?
    Licenziato? No.
    Lavorerà in modo indipendente a Kubuntu? No.
    Messo a lavorare alle applicazioni in Qt su Unity e Ubuntu? SI’.

  10. [10]

    Unity è sì un plugin di Compiz, ma si può estrarre e usare su un altro window manager (non mutter che ha mostrato problemi di lentezza nelle precedenti versioni di Unity).

Inserisci il tuo commento