Rilasciato Wine 1.4

Wine 1.4

Dopo quasi due anni di sviluppo e più di 16.000 commit Wine, il software che permette l’esecuzione dei binari Windows su sistemi operativi Linux, BSD e Solaris è finalmente giunto alla versione 1.4 con tante novità e il supporto a molte nuove applicazioni tra cui, conferma lo sviluppatore Alexandre Julliard nell’annuncio, a Microsoft Office 2010.

Molte le migliorie nel comparto grafico 2D e 3D, così come l’importante riscrittura dello stack audio basato su quello di Windows Vista e dei moduli ALSA e CoreAudio (oltre all’ormai deprecato sottosistema OSS, ma ancora supportato dal team). Il supporto USB, atteso ma non ancora ufficializzato, è in via di sviluppo ed applicabile tramite delle patch.

Novità dunque anche per CrossOver XI, la celebre piattaforma basata su Wine, la quale riunisce le precedenti CrossOver Office e CrossOver Games in un unico prodotto, realizzata per chi desidera eseguire software esclusivamente commerciali.

Numerosi anche i progetti di terze parti come PlayOnLinux, strumento che consente di eseguire videogiochi (al momento sono 433, ed il supporto non è completo per tutti) su Windows, ed altri ancora. I sorgenti sono disponibili nella pagina di download, mentre i pacchetti .deb (Debian, Ubuntu) e .rpm (Fedora, RedHat e OpenSUSE) saranno disponibili a breve.

Tag: ,

Commenti

  1. [1]
  2. [2]

    wine: il male di linux, ha sempre funzionato male e parzialmente.
    Facessero delle versioni dedicate e rinominate con il singolo programma integralmente sostenuto e funzionante, del tipo: winephoto, wineoffice2010, winesoccer ecc… e ci si accorgerebbe che la sua utilità è in realtà molto, ma molto limitata.

    Piuttosto di dare la percezione che con wine i binari funzionino veramente: ogni programma ha sempre il suo problemino. Photoshop: si funziona, ma se usi quel plugin… no! Office, si è veloce, ma se provi a fare quella cosa li con exel… crasha! Ecc, ecc.

  3. [3]

    wine il male di linux!? O_o Semmai il male di linux sei tu e la gente limitata come te … sempre pronta a criticare, senza pensare neanche per un secondo a tutto il lavoro *mostruoso* che è stato fatto per portare avanti questo progetto … e ovviamente senza considerare i *centinai* di programmi arrivati in stato gold/platinum.
    Photoshop è “limitato” ? Se fosse per Adobe te lo sogneresti di farlo girare su linux, neanche “limitatamente” …

  4. [4]

    @garuax, perché non contribuisci anche tu al progetto?

  5. [5]

    @garuax
    infatti bisogna fare una cartella per programma con robe tipo
    .
    #!/bin/sh

    PATH=/home/mc/rec/1-wine-1.4rc6/usr/bin:$PATH
    export PATH
    LD_LIBRARY_PATH=/home/mc/rec/1-wine-1.4rc6/usr/lib
    export LD_LIBRARY_PATH
    env WINE=/home/mc/rec/1-wine-1.4rc6/usr/bin/wine env WINEPREFIX=/home/mc/rec/1-wine-nomeprogramma wine “/home/mc/rec/1-wine-nomeprogramma/drive_c/Programmi/nomeprogramma/nomeprogramma.exe”
    .
    e in ogni cartella andarci di winetricks e winecfg.
    Confermo, è UN CASINO.
    E poi tutto funziona un po “a quazzo”.

  6. [6]

    A me quei pochi programmi che ho provato con wine, mi funzionano
    alla perfezione, e alcuni videogame mi girano meglio che non su windows,
    per esempio star wars battlefront II (che non è neanche platinum) funziona benissimo, mentre su Windows (stesso computer dual-boot) crasha dopo il caricamento.

    Poi per il resto i programmi nativi linux sono eccelsi, perché andarsi a complicare la vita provando a usare quelli di windows -.-

  7. [7]

    apprezzo l’enorme lavoro che sta facendo la comunità ma mi chiedo per quale motivo sviluppare wine per far girare office 2010 quando esiste libre, cioè sto progetto dovrebbe esistere per far leggere programmi che sono necessari a quelle figure vincolate a ..zoz (cad, photoshop, pubblica amministrazione, legali,…)

  8. [8]

    @INFRID
    non contribuisco perchè non credo nel progetto. E’ vecchio come concezione e non porta progresso a linux.

    @ITO
    non me ne frega nulla di quanto tempo hanno investito, peggio per loro. Facessero una cosa che funziona, a pagamento ed allora sarei pronto a contribuire con la carta di credito.
    Fosse per me, linux non lo uso certo per fare grafica, bello mio.

  9. [9]

    >>>non me ne frega nulla di quanto tempo hanno investito, peggio per loro. Facessero una cosa che funziona, a pagamento ed allora sarei pronto a contribuire con la carta di credito.
    Fosse per me, linux non lo uso certo per fare grafica, bello mio.
    .

    .
    Infatti mi chiedo sempre perché mai non si tengono stretti stretti Windows e MacOsx, queste persone, visto che sanno che Gnu/Linux non gli offrirà mai le stesse cose che ottengono dai due os citati. Mah.

Inserisci il tuo commento