Aptitude e tasksel rimossi da Ubuntu 10.10

Pulizie di primavera (in ritardo) per gli sviluppatori di Ubuntu: l’ultima riorganizzazione del pacchetto ubuntu-meta ha infatti escluso del CD e dall’installazione di default sia aptitude che tasksel.

Se del secondo si può tranquillamente fare a meno (soprattutto su un sistema già configurato), l’eliminazione del primo, probabilmente, non mancherà di provocare discussioni e polemiche.

La motivazione (per entrambi) sembrerebbe essere imputabile alla necessità di liberare un po’ di spazio sul CD d’installazione, abbinata al fatto che l’utilizzo di un package manager da riga di comando non si accorda molto con la visione desktop di Canonical.

La decisione di eliminare aptitude dall’installazione di default di Maverick Meerkat separa simbolicamente Debian da Ubuntu: la prima ne consiglia infatti l’utilizzo al posto di apt-get, al contrario della distribuzione di Shuttleworth. Ne sentirete la mancanza?

Tag: ,

Commenti

  1. [1]

    hai voglia!!

  2. [2]

    sì, tantissimo…
    tanto da tornare a debian sid, forse…

  3. [3]

    D’altronde ha poco senso per un sistema che punta tutto sull’interfaccia grafica e sulla semplificazione per l’utente, avere addirittura 2 pacchetti da riga di comando che fanno lo stesso lavoro..

    Cmq io continuo a non capire queste inutili polemiche che fate sull’inclusione o meno dei pacchetti nell’installazione di default.. se vi serve qualcosa ve lo scaricate, è così un grosso problema??

  4. [4]

    Uhuum…non ho mai avuto modo di provarlo ma…..si può fare apt-get install aptitude?
    Credo di si….quindi….where is the problem?

  5. [5]

    Secondo me Ubuntu deve attirare nuovi utenti “normali” e non geek, quindi mi sembra un ottima decisione…

  6. [6]

    quoto Gies.

  7. [7]

    Cmq io continuo a non capire queste inutili polemiche che fate sull’inclusione o meno dei pacchetti nell’installazione di default.. se vi serve qualcosa ve lo scaricate, è così un grosso problema??

    Quoto… E’ come dire che non ti mettono la penna sul foglio ma devi prenderla nel portapenne… E’ un problema?

  8. [8]

    cioè toglieranno apt-get dal terminale? correggetemi xk nn ho capito bene l’articolo

  9. [9]

    ditemi, la verità: quanti usano aptitude al posto synaptic?

    Io non ne sentirò certo la mancanza!!!

  10. [10]

    io in giro ho sempre visto apt-get…la cosa ha senso se uno deve lavorare molto da terminale e l’installazione è solo un passo di operazioni più complesse, altrimenti synaptic o ubuntu software center vanno benissimo

  11. [11]

    Questi di canonical son tutti scemi, già con GNOME hanno banalizzato e rimosso un sacco di cose utili, mi tolgono pure funzionalità della linea di comando ora?! ma scherziamo???

    Se è vero è la volta buona che mollo Ubuntu.

  12. [12]

    Dobbiamo smetterla di pensare a Linux come un OS che deve rimanere per pochi eletti! Se vogliamo che l’open source si diffonda il più possibile, dobbiamo pensare al massimo della semplificazione ed eliminare elementi in questo caso anche ridondanti. Dato che è tutto open, se a un geek non va bene, che si installi la versione server tramite riga di comando e ci metta sopra fluxbox. Non è che è rimasta solo Ubuntu, se non vi va bene passate a Debian, oppure Gentoo.

  13. [13]

    Quoto tutti i “non talebani” :D

  14. [14]

    aptitute è nettamente più semplice e funzionale di synaptic o kpackage o adept o qualunque altro programma grafico che ho provato (e secondo mia opinione anche di apt-get), ha ottimi algoritmi per la risoluzione dei problemi, funziona da riga di comando e via un interfaccia grafica (entrambe usabili quando i driver proprietari nvidia cazettano), non mi ha mai dato problemi rilevanti da quando lo uso, cioè diversi anni; se si imparano quelle 4/5 combinazioni di tasti non si ha bisogno di niente altro, quindi chi dice che aptitude è difficile o che il suo uso non faciliterebbe i nuovi utenti credo non l’abbia usato per più di 5 secondi persi a recriminare sull’uso delle ncurses invece delle gtk/qt.
    per me ubuntu fa una minchiata a toglierlo da pacchetti di default.

  15. [15]

    @ Alberto ? Se è vero è la volta buona che mollo Ubuntu.

    bye bye a te e a tutti quelli che fanno polemiche sterili su cose banali come queste o come gimp che non è installato di default o i pulsanti a sinistra che sono una tragedia

    e per fortuna che spesso siete le stesse persone che dicono “il bello di linux è che te lo puoi personalizzare come ti pare”

  16. [16]

    Sono vincolati dalla capacità di un CD quindi è una scelta condivisibile visto è considerando che l’utente “umano” nemmeno sa a che cosa servono ‘sti cosi e quello che li vuole usare li installa in un minuto.

    Si tratta di un non-problema.

  17. [17]

    da utente non supergeek, personalmente uso spesso apt-get perché consente di copiare ed incollare righe di comando prese da siti, cosa che non si puo’ certo fare per un software ad interfaccia grafica.

    se dunque rimuovessero apt-get dal CD di installazione, lo installerei certamente, ma la rimozione di aptiude non mi fa né caldo né freddo.

  18. [18]

    noooo che palle…nasce una nuova discussione completamente inutile come quella di gimp?
    vuoi una cosa?
    due click e la metti.

  19. [19]

    |————————————————————-
    |Secondo me Ubuntu deve attirare nuovi utenti “normali” e non |geek, quindi mi sembra un ottima decisione?
    |————————————————————-

    Non ci rassegniamo ancora, che di utenti normali, non ne vedremo mai su Gnu/Linux? E dal 2005 che sento è leggo su riviste che Gnu/Linux e pronto per il Desktop!

    Provate VERAMENTE a mettere in mano anche Ubuntu, ad uno di questi utenti cosidetti “normali”.

  20. [20]

    Scusate, ma eliminare Java che occupa 120MB sul cd non si può?

    Su linux mint hanno deciso di fare così: l’unica applicazione che lo usava era OpenOffice (ma non è un componente fondamentale) e gli utenti a cui serviva veramente erano pochi.

  21. [21]

    abba, ti prego non tirare in ballo una distro clone come Mint, che include nell’installazione di default molto software closed, come Flashplayer.

    Tornando all’articolo, mi chiedo chi usa aptitude?
    Nel 99% dei casi usano tutti me compreso apt-get, non ha senso tenere 2 gestori pacchetti.

  22. [22]

    Scusate se dilungo la polemica ma….
    @ @rchie
    |———————————————————
    Provate VERAMENTE a mettere in mano anche Ubuntu, ad uno di questi utenti cosidetti “normali”.
    |———————————————————
    Per gli utenti cosiddetti normali anche windows è poco user friendly.
    Se volete vi racconto di quando ho spiegato il cut&paste ad uno di questi “normali”.

  23. [23]

    e che palle…..ogni volta a criticare una decisione che si prende per il bene della comunità!!!!
    Per la cronanca il motto di ubuntu è: LINUX FOR HUMAN BEING (LINUX PER ESSERI UMANI). avere apt, aptitude, synaptic e software center che svolgono lo stesso lavoro non serve a nulla. basta avere un software che gestisca in modo impeccabile i pacchetti e canonical sta sviluppando Software Center apposta affinchè forse nella 12.04 lts potrà eliminare definitivamente synaptic. inoltre aptitude è assolutamente inutile visto che è anche meno completo di apt. comunque se volete usare la riga di comando: Archlinux e Slackware fanno al caso vostro. Ubuntu è nata per semplificare le operazioni e lo fa davvero: è l’unica distro che si può definire MODERNA ed EVOLUTA. Lamentatevi di meno e supportate di più se siete davvero amanti del software libero.

  24. [24]

    togliete il kernel, tanto basta sempre un apt-get :D . cmq io su distro apt-based ho sempre usato aptitude :P

  25. [25]

    fidati che se mettete in mano ubuntu agli utenti medi (windows user) in tre-quattro giorni imparano ad usarlo.. certo ci vuole un pò di buona volotà. ora il 90% degli utenti di winzoz non sa nemmeno che sia un sistema operativo. usano il p solo per facebook, msn e you porn,,

    ecchecavolo

  26. [26]

    @abba:

    Java non lo tolgono proprio perché è enorme e scaricarlo a parte potrebbe essere un problema per molti

  27. [27]

    Anche secondo me questo è un “non problema”.
    se serve aptitude, un utente esperto se lo reinstalla con un colpo di apt-get.
    gli utenti non smanettoni, e ce ne sono tanti, non usano nè aptitude nè apt-get.

    io uso di tanto in tanto apt-get e di solito uso synaptic perchè lo trovo comodo.

  28. [28]

    @pippolomeo
    Verissimo, ma serve davvero a così tanti utenti?
    Se poi uno si scarica una distro da 700mb, non può scaricarne altri 120 per una prgramma? Sono meno di una versione di openoffice (140mb circa).

    @paguro
    Ho citato mint per la scelta che hanno fatto: se flash è preinstallato o copia solo ubuntu è un’altra storia.
    Qui stavo parlando di Java e del suo peso sul CD.

  29. [29]

    @ @rchie

    Provate VERAMENTE a mettere in mano anche Ubuntu, ad uno di questi utenti cosidetti “normali”.

    Già fatto e con ottimi risultati e comunque io intendevo che gli utenti “normali” vogliono solamente andare su facebook e roba simile non installare software da linea di comando…

  30. [30]

    @abba:

    in teoria non c’è problema, ma potrebbe darsi che l’utente non abbia scaricato il CD da casa, ma magari lo abbia trovato su di una rivista, ricevuto via posta, scaricato tramite una connessione cui non ha spesso accesso. lo dico mettendomi nei panni di altri perché fortunatamente non ho questo problema; per quel che m’interessa, io farei direttamente a meno di OpenOffice (e quindi di JAVA) sul CD

  31. [31]

    @Gies e già, cose già viste. Dopo mezza giornata rivogliono IE, OE, Messengers, e una montagna di crack per i quattro programmi che usano.

    Il problema(imho), e che se per “conquistare” quattro dementi(scusate ma ormai ho una mia personale opinione della massa) che non useranno mai Gnu/Linux, io debba usare distro bacate, beh.. meglio che si tengano una qualsiasi versione di windows, e che l’ascino usare Gnu/Linux a chi lo ama per davvero.

    Se la gente non capisce, e non gli frega niente che li stanno castrando, volete che gli freghi che con Gnu/Linux si può avere una libertà, o un uso che con i sistemi chiusi non si possono avere?

    La massa continuerà ad usare windows, perché windows è usato da tutte le persone che conoscono, e perché la massa ha il cervello troppo atrofizzato per uscire dalle sue abitudini.

    Scusate ma vedere tutto questo rincorrere alla somiglianza di win o mac che sia, sarà la morte stessa di Gnu/Linux.

  32. [32]

    @archie Hai perfettamente ragione quando dici che la massa è perfettamente atrofizzata.

    Il problema però credo sia ben diverso. Ubuntu vuole diventare una distribuzione evoluta che punta ai giovani. E non c’è nulla di male in questo. Anche perchè è una distro che piace sempre di più soprattutto per quella c*****a di Gwibber che gestisce i Social Network dall’avvio. Il problema vero però a mio avviso parte da Canonical stessa: Ubuntu sta diventando una copia spiccicata di Mac OS X. Lo si vedeva già con l’introduzione di Ubuntu Software Center nella 9.10 che non è altro che una versione Open dell’ AppStore di Apple. Ubuntu a mio avviso sta diventando sempre meno open. Provate a sostituire Plymouth con il vecchio Usplash: Non si può fare perchè la 10.04 è stata costruita basandosi su Plymouth. Ma scusate un’attimo!!! Ma sbaglio o la differenza tra GNU/Linux e i sistemi closed stava nel fatto che il primo lo potevi modificare a tuo piacimento anche nel più piccolo dettaglio??? E se è così perchè Shuttlework dice che ubuntu non è una democrazia? Lascio a voi l’onere di una riflessione!! Comunque io ho 19 anni, amo GNU/Linux e uso Slackware!!! Che se ne vada a quel paese la massa….io come tutti voi che amate il pinguino siamo uomini liberi!!!!

  33. [33]

    comunque ci tengo a precisare sono d’accordo sulla rimozione di tasksel e aptitude ma non sono d’accordo sulla politica odierna di Ubuntu. L’ho usata finchè era una distro che puntava a semplificare le operazioni. Dopo l’uscita della 9.10 però l’ho abbandonata per poi ritornarci per toccare con mano lo squallore della lucid. È vero, come ho detto prima il motto di ubuntu era “Linux for Human Beings” ma questo si sta traducendo in una involuzione del ruolo di Ubuntu nel mondo…..Da una distribuzione sta diventando un sistema commerciale. Non mancherà molto che toglierà tutto ciò che la legherà al mondo GNU e inizierà a sviluppare toolkit propri. Nel primo commento mi sono espresso male e sono sembrato un accanito sostenitore di Ubuntu. Quello che volevo dire era: Canonical ha fatto una scelta giusta nel rimuovere applicativi alquanto inutili (che sono comunque installabili con apt-get o Synaptic). Se a qualcuno non va bene può fare come ho fatto io quando non mi sono sentito più rappresentato da questa distro ho provato Fedora, OpenSuSE, Mandriva, Archlinux finche non mi sono stabilizzato su Slackware che io reputo la Distro Linux per eccellenza in quanto l’utente ha il pieno controllo del suo computer e del suo sistema operativo: scelgi tu cosa installare e cosa avviare. Pertanto mi scuso ancora :)

  34. [34]

    @atimix600 beato te che sei ancora giovinotto, io diciamo che ho qualche annetto più di te, ma il problema non stà nell’ età dell’ utente, bensì nella mentalità di ognuno di noi.

    Oggi mi tocca stare molto attento a cosa scrivo(ormai mi segano i post spesso è volentieri).

    Io uso Gnu/Linux dai tempi della Red Hat6.0 (Hedwig) e ti posso assicurare che rimpiango molto i tempi andati di una red hat 7.3. O di una vecchia Mandrake 7.1, si forse non erano belle dal lato estetico come una distro di oggi, ma ti assicuro che dopo avere smanettato(nemmeno tanto poi)le cose funzionavano da dio.

    La stabilità delle distro fatte in “quella maniera” oggi io non la ritrovo in nessuna distro attuale, caso a parte Slackware che rimane una distro che bada al sodo, almeno finché facciamo finta che KDE 4 funzioni veramente.

    In sostanza, rincorrere sfrenatamente Windows e nello specifico MacOsX per quanto riguarda ubuntu, sta portanto ad un solo risultato versioni instabili e scopiazzate di sistemi proprietari che porteranno alla lunga forse anche a meno dell’ uno per cento degli utilizzatori di oggi.

    Linux stà avendo una espansione su tutto quello che non è Desktop. Le tecnologie che gli utenti desktop usano per la maggiore sono proprietarie. Il problema di Gnu/Linux essendo un sistema libero, secondo me stà tutto qua. Portare un sistema come Gnu/Linux forzatamente dove non è il suo forte può solo peggiorare le cose.
    Saluti a tutti.

  35. [35]

    non capisco dove sia il problema: usate altro…

  36. [36]

    buonasera. Ho casualmente incontrato in rete questa discussione. Mi mangerete vivo, dico la mia.
    Di secondo lavoro metto a posto pc e mac di persone INCAPACI.
    Da qualche tempo ho iniziato a mettere Ubuntu, nelle varie distro a seconda delle necessità e della potenza delle macchine.
    Sto, in parole povere allargando l’utenza.
    Tutti entusiasti. E’ come avere la semplicità di un Mac su pc, gratis.
    Ebbene in quest’ottica ringrazio da utente tutti coloro che da “gran smanettoni” hanno creato questo bellissimo sistema.
    Il punto in discussione è l’eliminazione dall’installazione base di un software da SMANETTONI. Ma se uno è tale che bisogno ha di vederselo recapitare al primo install? Il bello di ciò che sta diventando Ubuntu è proprio questo! Per l’utente medio-basso è qualcosa di semplicissimo che fa tutto, per gli evoluti è la base di uno strumento potentissimo. Non c’è da questionare, dovremmo tutti gioire……. scusate l’intrusione

  37. [37]

    @[35] si per chi cavalca le mode del momento nessun problema.

  38. [38]

    @ [36]:
    Appunto.
    Non è un tuo problema, mi pare…o hai la sindrome della crocerossina?

  39. [39]

    @spino ho smesso di fare la crocerossina con tipi come te da molti anni ormai. Non cè penicillina che funzioni.

  40. [40]

    Eh…mi sa che dalla penicillina sei passato a roba ben più pesante, allora…

  41. [41]

    @spino toglimi una curiosità. Ma una Distro Gnu/Linux l’hai mai provata?

    Meglio chiudere, sti giochini alla silonido mi venivano meglio.
    bye.

  42. [42]

    @Carlo:
    continuo a ribadirlo: da quando aptitude sarebbe un software da smanettorni? ha una interfaccia grafica che è più usabile, per me, di qualunque altro programma che ho usato fino ad ora, ma mica perché sono uno smanettone snob, solamente perché per avere tutte le informazioni disponibili di un pacchetto è roba di un nano secondo, inoltre si può usare anche da linea di comando, utile se non si ha un terminale grafico; quindi, praticamente, sono due programmi racchiusi in uno e ubuntu prenderebbe due piccioni con una fava. è da smanettoni solo perché non si usa il mouse? beh, allora ubuntu non sta andando verso gli utenti medio bassi ma verso i completamente idioti.

  43. [43]

    @suinonatante, il problema di “alcune” persone su oneopensource è proprio questo. Si inseriscono nei topic senza nemmeno sapere di cosa si stà parlando. Per certi versi Gnu/Linux è già per tutti, sarà divendato anchesso una moda? boh.

  44. [44]

    @ @rchie:
    “alla silonido”, “anchesso”…

    Evidentemente per te anche la grammatica è così opensource da pensare di poterla inventare…

    PS
    Mandriva, SUSElinux, Ubuntu… sì, qualche distro la uso anche io…

    PPS
    Mi sa che “allasilo” eri sempre assente…

  45. [45]

    @suinonatante, @ @rchie:

    ve lo posso confermare, sta andando verso “i completamente idioti”………… stile Mac. Docky docet.

  46. [46]

    @Carlo su questo non ho più dubbi. E lampante che è già arrivata(ubuntu) a qualcuno che molto più che idiota!

  47. [47]

    Perfetto…vuol dire che scaricare Debian o ArchLinux sarà più facile e veloce, no?

  48. [48]

    entro nella discussione dicendo una sola cosa.
    Per me ubuntu sta correndo troppo e così facendo rischia di mandare fuori distrò con programmi instabili o con scelte mica tanto pensate bene.
    Personalmente installo solo le versioni marcate come LTS: dovrebbero essere fatte con un po’ più di sale in zucca….

  49. [49]

    @IvoErmejo e proprio questo che vado dicendo dall’ uscita di Lucid Lynx.

    Ma a quanto pare ogni critica su ubuntu fatta qui ti porta automaticamente ad essere un talebano.

  50. [50]

    Ma guarda, che qui l’unico che ha l’atteggiamento da talebano sei proprio tu.

    Canonical dice che rimuove alcune applicazioni dall’installazione del suo Ubuntu.
    Bada bene: non è che vieta a nessuno di ripristinarle. Non è che elimina qualche funzione.
    Semplicemente decide nel suo pieno diritto cosa includere nella sua distribuzione.

    Ti/vi si è risposto: ” se proprio non potete farne a meno, reinstallatele…”

    oppure “non ti piace Ubuntu? Scegli altro”.

    E TU giù a dare dell’ignorante (da che pulpito, poi…”allasilo”), del “venduto” (a chi poi?), dell’idiota…

    Quindi, meno vittimismo e pensa più alle donne che ai SO :D

  51. [51]

    @rchie
    Lucid Lynx è una LTS e dovrebbe essere fatta con un po’ di sale in zucca: infatti alcuni problemi li ha risolti, vedi autenticazioni su partizioni ntfs, tanto per dirne una …
    Buona anche la scelta di integrare del desktop di GNOME i vari social network e le varie chat.
    Poi che levino della distrò base questo o quello, neanche me ne accorgo più: quello che non c’è, e mi serve, lo installo di volta in volta ….

  52. [52]

    …che è più o meno quello che si dice dall’inizio dei commenti :D

  53. [53]

    Mi scuso ANTICIPATAMENTE con tutti gli altri utenti se mi dilungo un pò per diciamo così cose “personali”.

    [52]
    Certo che ne hai molta di coda di paglia. Se sei un dottorando mi scuso per gli strafalcioni, ma la scuola(non ho paura a dirlo)anche se praticata poco, e sono passati decenni dall’ultima volta che ci ho messo piede potrebbe giustificare un ‘allasilo’, o ‘altro’, scritto molto in fretta.

    Ma se come sopra sei uno scribacchino di mestiere, beh, la cosa sarebbe molto più pietosa della mia, non è che tu in certi post(forse preso dalla foga di rispondere)sei stato molto più perfettino di me.Leggiti qualcuno dei tuoi flame in giro per il network, non per forza su oneopensource.it. E questo non per pareggiare i conti, no, non ci tengo, sono altre le cose che mi gratificano.

    Il tuo problema, o sindrome(altro che da crocerossina)e quello di(rileggiti qualcuna delle tue risposte ai post di altri su Gnu/Linux)rispondere ai post di altri utenti con “sole” battute demenziali.

    E sono convinto anche del perché, nonostante ti sia scelto con cura o tra le più facili OpenSuse, Ubuntu, Mandriva, (Fedora no? E già Fedora rimane ancora qualche file da editare da qualche parte)tu non abbia messo mai due mani su una distro Gnu/Linux. Forse qualche Live.

    Credo che ti abbia dedicato abbastanza del mio tempo. Ora ripicca pure(ne soffriresti se non lo faresti vero?)si vede lontano un miglio che sei il tipo che vuole avere SEMPRE avere l’ultima parola.
    NON PERDERO ALTRO DEL MIO TEMPO A RISPONDERE ALLE TUE PROVOCAZIONI abbiamo due concezzioni diverse di sistema Gnu/Linux,

    Se può consolarti, uso pure io il tuo sistema preferito WindowsXP, Windows7,(insieme ad una dozzina d’altri) ma non per questo, vado in giro per la rete a fare battute si quello che non piace ad altri.

    addio.

  54. [54]

    mettiamo i puntini sulle “i”.

    IO non ho provocato proprio nessuno.

    Sei TU che ti stai “intestardendo” nel dare del niubbo, superficiale o peggio a chi usa Ubuntu o accetta le scelte (peraltro reversibili)di Canonical senza gridare allo scandalo.
    Punto. Queste non sono chiacchiere, ma fatti che chiunque abbia voglia di scorrere queste risposte potrà verificare.

    Detto questo, le mie “punzecchiature” sulla grammatica (“allasilo” e la superba “concezzioni”…) avevano (e hanno) l’unico scopo di tirarti giù dal piedistallo dorato che ti sei auto costruito finora. Qui nessuno ti ha accusato di nulla, se non di “talebaneria” (evidente).

    PS
    Non farti illusioni: non devo dimostrarti nulla, ma…
    1) come hai giustamente notato, non sono solo qui, ma su parecchi altri siti, a dimostrazione che il mio interesse per l’informatica è “democratico” e non monotematico.
    2) in ufficio la distro più usata è proprio Fedora. Quindi fai tu.
    3)A casa e sul netbook, ho sempre preferito Ubuntu per il semplice fatto che ha una vasta comunità, ed ogni volta che mi è servita qualche dritta, non ho perso giornate a cercare di risolvere un problema.
    Per inciso, le ottimizzazioni per gli eeepc me le sono sempre fatte a “manella” da terminale…
    4) Quale sarebbe la “concezzione” diversa di Gnu/Linux che hai, rispetto alla mia? Ho forse scritto che Ubuntu è superiore a Debian? o ad Archlinux? Se io in qualche post avessi decantato una eventuale distro tutta fatta di soluzioni proprietarie, potrei anche capirlo, ma qui ti si è solo detto che ciò che Canonical toglie dalla SUA distro chiunque, se vuole, può rimetterlo.

    Te la stai cantando e suonando da solo, come si dice dalle mie parti…

  55. [55]

    @spino @rchie susu ragazzi….non c’è bisogno di scaldarsi.
    Ognuno ha una sua idea di GNU/Linux…io ad esempio penso che ubuntu non sia una vera “distro”….una vera è ArchLinux dove la comunità ha piena voce in capitolo nelle scelte di sviluppo del SO.> (cit. MS) ma solo un giocattolo nelle mani di un imprenditore che vuole diffondere una copia di Mac OS X. Io la penso così….proprio per questo non la uso. Preferisco usare distro che mi rappresentano di più. :)

  56. [56]

    non so perchè mi ha cancellato la scritta……volevo citare MS (Ubuntu non è una democrazia.

    @rchie comunque hai ragione….facciamo finta che KDE 4 funzioni xD

  57. [57]

    Preferisco usare distro che mi rappresentano di più.

    Ma infatti…io non mi scaldo: lo sto dicendo dall’inizio.

    Ma non sono d’accordo sul discorso Shuttleworth come imprenditore: a casa mia gli imprenditori vendono le cose, non le regalano ;)

  58. [58]

    beh diciamo che sono abbastanza pigro…
    e per questo che voglio la pappa pronta, per me e per i miei amici ai quali installo Linux. Mica posso dire ad un neofita dell’informatica che, cambia da Winzoz a Linux per non pigliare virus, che su Linux c’è dove una comunità nella quale avrà piena voce in capitolo nelle scelte di sviluppo del SO ????
    Non ci capirebbe assolutamente nulla e, anzi, siccome la gente che conosco io vuole tutto pronto e funzionante, scapperebbe subito.
    Invece con Ubuntu riesco ad installarlo e a spiegare che c’è già tutto al suo interno (Firefox, Evolution o Thunderbird, AMSN, OpenOffice, VLC, ecc..) e se voglio ci installo anche SKYPE.
    Poi con il tempo, qualcuno di più sveglio, comincia ad interessarsi sul “cosa c’è sotto”, ma questa è una scelta libera che non impongo subito.
    Quanti usano Winzoz o Mac senza sapere cosa stanno facendo ???
    Questi tipi qua sono utenti inconsapevoli del fatto che si può effettuare una scelta.
    Credo che sia più o meno come la storia della “scelta del browser”: la maggior parte una IE perchè è quello che trovano già installato e non sanno ce ne sarebbero altri.
    Poi il fatto di convertire più gente a Linux, per me è non è mai una cosa “gratis”… il mio lavoro la gente lo deve pagare, non posso far pagare la licenza di Linux e su questo sono d’accordo ma, per agli amici chiedo sempre che mi offrano una cena.

  59. [59]

    @rchie la Microzoz è capace di spalare M?rd@ contro gli altri SO solo perché sono la concorrenza e perché ha paura di perdere fette di mercato.
    Ma ti pensi che ma MS parli, proprio le di democrazia?
    La MS è la cosa più antidemocratica che c’è adesso nel mondo dell’informatica:
    1. sistema già installato nel pc e ti tocca pagarlo anche se non vuoi (quanto di voi hanno fatto procedura per avere il pc senza l’SO ?)
    2. Installa software di default (vedi IE, WMP, ecc.)
    3. Ci costringe a sottostare alle sue scelte, senza interpellare la comunità.
    4. Propone una marea di versioni diverse dell’SO così facendo la gente comune crede di acquistare un SO completo a pochi soldi e magari non può neanche cambiare lo sfondo del desktop.
    5….. potrei andare avanti per ore.
    Peccato che a lavoro da me, Linux venga utilizzato solo sui server e neanche su tutti: il domain server è Winzoz.

  60. [60]

    @IvoErmejo
    Guarda che MS non è Microsoft: è Mark Shuttleworth ;-)

  61. [61]

    Standing Ovation :D

  62. [62]

    @IvoErmejo
    Guarda che MS non è Microsoft, ma Mark Shuttleworth ;-)

  63. [63]

    @ivoErmejo
    Guarda che MS non è Microsoft, ma Mark Shuttleworth

  64. [64]

    a casa mia quando comprai il primo sistemato operativo si chiama.. MS DOS e MS stava per Microsoft
    ora c’è un piccolo fraintendimento, omonimia di iniziali …
    proporrei di gestire la cosa in tal modo: M$ per Microsoft e MS Mark Shuttleworth ….

  65. [65]

    Accetto, solo se però poi si usi $teve Job$ quando si nomina la Apple :D

  66. [66]

    era “solo se poi si usa” :D

  67. [67]

    comunque… in alcuni casi, per portare avanti dei progetti in maniera più veloce, non ha senso interpellare tutta la comunità e indire un referendum mondiale…
    quindi la scelta di Mark Shuttleworth di dire che Ubuntu non è una democrazia, IMHO , vuol dire solo che c’è uno stretto gruppo di sviluppatori che prendono le decisioni (OLIGARCHIA): tutti gli altri si devono adeguare. Per adesso ho sempre trovato le loro decisioni in sintonia con le mie o, al massimo, se ho avuto la necessità di cambiare qualcosa in Ubuntu, perché non mi andava bene, ho potuto farlo (es.: spostare i pulsanti minimizza massimizza, ecc.. o migliorare la distrò installando la versione Plus Remix dal sito dell’Istituto Majorana…)Ubuntu non mi è sembrata una distrò rigida …

Inserisci il tuo commento