Africa: un netbook da 99$ con Linux

091215-cherrypalafrica-01.jpg

Dopo il lancio del computer più ecologico risalente a non più di un anno fa Cherrypal fa il bis e annuncia Africa, netbook decisamente di poche pretese adatto alla navigazione Internet e ben poco altro.

Scorrendo rapidamente le specifiche (processore da 400MHz, 256MB di RAM, schermo da 7″ con risoluzione massima 800×480, 2GB di memoria flash) si evince facilmente che ciò che conta in questo progetto è ben altro. Difficile non pensare a temi come digital divide e progetti come OLPC (One Laptop Per Child). Probabilmente nella scelta del nome “Africa”, nell’impiego di materie prime quanto più possibile ecologiche e soprattutto nel tentativo di mantenere il prezzo alla portata di tutti (99$) si è voluto evidenziare l’impegno del progetto in tale senso.

All’acquisto sarà possibile scegliere se installare Windows CE o Linux, ma non è ancora chiaro se questa scelta influirà sul prezzo finale del prodotto.

Ma Cherrypal tiene a sottolineare la propria propensione all’open source e la scelta dell’impiego di software aperto:

Utilizzando software open source tagliamo i costi di licenza che aggiungerebbero altrimenti centinaia di dollari al prezzo di un nuovo computer. Ovviamente se desiderate sistemi operativi o software non open source provvederemo in tal senso. Vogliamo soltanto accertarci che sappiate di poter avere alternative free, se lo desiderate.

Tag:

Commenti

  1. [1]

    Ma mi dite perchè parlate di un netbook con linux, e ne mostrate uno con su windows?????

  2. [2]

    Questa è una delle poche immagini (se non l’unica) disponibili per il netbook Africa.

  3. [3]

    :( chiedo scusa allora.

  4. [4]

    [quote]Questa è una delle poche immagini (se non l’unica) disponibili per il netbook Africa. [/quote]

    Quindi mettono Linux ma si presentano come se ci fosse Windows? Esilarante!

  5. [5]

    Io la chiamerei pubblicità ingannevole!
    Ovviamente dipende dai punti di vista ;-P

  6. [6]

    bhè, in realtà l’immagine ritrae solo una collinetta erbosa e un cielo azzurro, non ci sono simboli legati a ms né a linux… e lo sfondo di default di XP in realtà era diverso..

  7. [7]

    infatti uno sfondo non determina un s.o. …. chi non usa lo sfondo collinoso in linux !?!? :)

  8. [8]

    @ palin911: Pretendere che quello non sia lo sfondo di Windows XP è tanto assurdo quanto un dinosauro che si ostina a cercare di dimostrare il teorema di Pitagora…
    “The default wallpaper, Bliss, is a BMP photograph of a landscape in the Napa Valley outside Napa, California,[32] with rolling green hills and a blue sky with stratocumulus and cirrus clouds.”
    fonte: http://en.wikipedia.org/wiki/Bliss_(image)

  9. [9]

    @marco1975: ok è vero, i colori un po’ diversi e la mia memoria mi avevano tratto in inganno! Comunque resta il fatto che simboli di MS non ce ne sono ed è a questo punto molto curioso come un semplice prato col cielo azzurro sia diventato un simbolo universale di un sistema operativo..Bisognerebbe trovare un’immagine altrettanto iconica anche per le distro di Linux, così i produttori di brutti netbook potrebbero usarle… :)

Inserisci il tuo commento