Ubuntu arriva anche per Android

Ubuntu for Android

Con un annuncio a sorpresa sul blog del patron di Ubuntu Mark Shuttleworth, il Mobile World Congress di Barcellona della prossima settimana vedrà l’arrivo di Ubuntu for Android. Non si tratta di un vero e proprio Ubuntu Phone, come ci si potrebbe aspettare, ma un’esperienza del tutto innovativa come lui stesso descrive:

Portate solo il telefono, e connettetelo a qualsiasi monitor per avere un desktop Ubuntu completo con tutte le applicazioni native desiderate, in esecuzione sullo stesso dispositivo e nello stesso momento in cui vengono eseguite su Android. Magico. Le cose importanti sono condivise tra il desktop e il telefono in tempo reale.


E ancora:

[...] la convergenza di più fattori forma in un dispositivo più personale. Naturalmente, il dispositivo più personale è il telefono, per cui vogliamo raccogliere tutte queste personalità differenti – telefono, tablet e desktop – nel telefono.

Ma non c’è solo il desktop: lo stesso Shuttleworth nel suo post parla anche dell’integrazione con Ubuntu TV:

Solo per divertimento, abbiamo integrato anche l’esperienza Ubuntu TV - per cui non si tratta solo di un desktop in tasca, ma anche di un media center.

Non ci saranno presumibilmente altri dettagli fino all’apertura del congresso, prevista il 27 febbraio, ma restiamo in attesa di ulteriori informazioni e immagini di questo nuovo progetto targato Canonical.

Tag: ,

Commenti

  1. [1]

    Quando danno vita a questi progetti secondari fanno incazzare anche me. Non dico che sia inutile, è carina come idea, ma non ha neanche tutta questa grande utilità.

  2. [2]

    @Marco-113

    Curati.

  3. [3]

    Ma chi possiede un telefono con Ubuntu TV a bordo lo deve pagare il canone? ;)

  4. [4]

    @Marco-113

    progetti secondari??? ok, non sappiamo ancora bene di cosa si parla, ma ti rendi conto di quanto è figa una vera e propria distro in tasca??? io spesso con il mio Samsung Galaxy S II ne sento la mancanza…

    in più vogliamo parlare di quanta visibilità (=nuovi utenti interessati a ubuntu) porterà?

  5. [5]

    Scherzi a parte, l’idea è simpatica anche se Canonical con questa mossa dichiara di rinunciare definitivamente a commercializzare dispositivi mobili basati esclusivamente sul proprio OS, dato che si appoggerà ad Android.
    Sulla pagina ufficiale del progetto viene anche sostenuto che Unity è più adatto di Android per l’uso con mouse + tastiera. Ma Unity non era progettato con il touch in mente?

    In realtà questo progetto è secondo me l’ammissione di una sconfitta e il disperato tentativo di giocare il tutto per tutto entrando in una nicchia di mercato ancora libera e (quasi) inesplorata. Finora i progetti del tipo CPU amovibile + DOC fisso sono tutti falliti causa lo scarso interesse del pubblico. Ora poi che c’è il cloud perché mi devo portare in tasca tutto il mio mondo digitale con i rischi che comporta?
    E se a lavoro non ho la doc a cosa mi serve? E la Tv, ma chi la guarda più la TV nell’era di Youtube?
    Caro “Navetta di Valore” in che vicolo cieco ti stai infilando?

  6. [6]

    Dai che nascerà un nuovo motto! Dopo “questo è l’anno di Linux” detto ogni anno più volte all’anno si passerà al “questo è un chiaro segno di disperazione da parte di Canonical” per ogni progetto nuovo che farà uscire!

  7. [7]

    Bah, credo che il progetto del telefonino porterà + interesse.. chi nn conosce Ubuntu.. presto lo conoscerà

  8. [8]

    Riflettendo sul progetto mi è passato per la mente questo: dato che il porting di Ubuntu su ARM e kernel Android è possibile, perché non realizzare UN TABLET CON UBUNTU anziché un telefonino frankenstein?
    Sinceramente un tablet con Android e Ubuntu un po’ di gola me la farebbe… e giustificherebbe anche la presenza di Unity dato che sarebbe un dispositivo touch.

  9. [9]

    @Holodoc
    Una paio di cose:
    1) Con tastiera e mouse Unity è usabilissimo, o comunque non è difficile immaginare che lo sia molto più di Android.
    2) Questo è un concetto desktop, quindi in nessun modo rivaleggia con Android e sempre in nessun modo esclude una versione tablet/telefono di Ubuntu. Tant’è che una eventuale Ubuntu tablet/telefono potrebbe a sua volta usare questa cosa qui come Android.

  10. [10]

    @Shiba
    Ho provato Android con mouse e tastiera sul mio EeePc e si riesce ad usare integrando spesso con la tastiera. Il problema grosso è che molte App ti ruotano lo schermo :)
    Secondo me questo è un concept macchinoso e costoso. Devi avere 1 smartphone di ultima generazione + un n. a piacere di kit (dock + monitor + mouse + tastiera) + 1 hard disk esterno dove tenere i dati che non entrano nel telefono o che non vuoi portare dietro. E cosa succede se ti telefonano mentre lo smartphone è sul dock? Lo togli per rispondere? Se ti arriva un SMS privato durante una proiezione di slide per lavoro ti appare come pop-up? ;)

  11. [11]

    @Holodoc
    Io ho provato Android (3) sul Transformer con tastiera. Molto carino, non è neanche un problema attaccarci un mouse (che non sia bluetooth), peccato che ad esempio la rotella non funzioni e l’unico modo di scorrere sia trascinare :D
    Al ritmo a cui procede lo sviluppo degli smartphone, tra un’anno questa ultima generazione sarà la fascia media, quindi non mi sembra affatto un problema. Per quanto riguarda dock, monitor, mouse e tastiera, beh, gli ultimi 3 ti servono comunque se vuoi un PC, il dock sarebbe l’unica cosa da comprare ma ti permette di usare il telefono come un PC. L’hd non è nemmeno tanto necessario, praticamente tutti gli smartphone hanno la possibilità di espandere con quelle schedine microscopiche: te ne pigli una enorme e ci sbatti dentro un po’ di roba. Ovvio è che nessuno pretende di fare di questo coso un PC da tutti i giorni, sarebbe qualcosa come il tuo EeePC, solo più piacevole da usare.
    “E cosa succede se ti telefonano mentre lo smartphone è sul dock? Lo togli per rispondere? Se ti arriva un SMS privato durante una proiezione di slide per lavoro ti appare come pop-up?”
    Questo è da implementare in vari modi, si potrebbe ad esempio rispondere a mo’ di voip su PC, attaccare un auricolare, ecc. Per il resto direi che possa essere buona cosa far valere lo stato di “Occupato” anche ora presente su Ubuntu, che zittisce notify-osd.

  12. [12]

    Quando danno vita a questi progetti secondari fanno incazzare anche me. Non dico che sia inutile, è carina come idea, ma non ha neanche tutta questa grande utilità.
    .
    A me invece pare rivoluzionario.

  13. [13]

    Se qualcuno VEDERE di cosa si tratta quì c’è il video di Ubuntu per Android: http://www.youtube.com/watch?v=3pZUCKt0RKc
    Integra l’invio di messaggi, le apps di Android nella Dash di Unity, etc…

  14. [14]

    Parlo sempre male di loro… ma questa è una figata!
    Vi rendete conto?
    Non avrebbero potuto fare concorrenza ad Android e da buono stratega si è “alleato”.
    Nel difficile mercato dei tv c’è rischio che qualche produttore hardware decida di usare Ubuntu TV…
    … io ci credo, potrebbero fare un colpaccio!
    Però: quali benefici porterebbero alla comunità?
    Non scrivono una riga di kernel, Unity lo usano solo loro e non contribuiscono a mamma Debian!

  15. [15]

    @Six110 – Non è vero, tutte le patch che Canonical opera sui pacchetti vengono rimandate a Debian così come il Software Center. Inoltre lo sviluppo di Ubuntu TV ha portato alla correzione, e al rilascio di patch in upstream, riguardanti server grafico e opengl… Detto questo, per me queste iniziative contribuiscono al miglioramento di tutti i progetti coinvolti.

  16. [16]

    Non mi pare di aver detto niente di eretico.
    Sarebbe bello avere la propria distribuzione sempre in tasca, ma perchè dovrei utilizzare un sistema “docked” piuttosto che utilizzare un sistema mobile?
    Cioè dovrei sempre collegarlo ad un monitor, il che vuol dire venir meno della “portabilità” di uno smartphone.
    Preferisco avere un sistema desktop ed uno mobile sincronizzati piuttosto che un unico sistema con certi vincoli.
    Poi è ovvio che l’idea non è male, auguro a Canonical di avere un successone su questi settori emergenti, ma ciò non significa che ogni cosa che sembra nuova e rivoluzionaria ci si debba buttare a capofitto (vedi anche Ubuntu-TV).

  17. [17]

    Marco ma ad essere sincero anch’io preferisco una soluzione come la tua, solo che a volte c’è anche la necessità di qualcosa di più borderline.

  18. [18]

    @Marco-113
    Me sa che te tocca cambia` il nick in Marco-118 o Marco-reparto-neurologia :`

  19. [19]

    Francesco te perchè nn taci e fai parlare un pò gli altri?
    Se vuole dare un opinione è libero di darla.. tu nn hai diritto di suggerirgli tali cose..

    Detto questo.. esprimi la tua opinione e come si dice… non rompere le scatole ^^

  20. [20]

    Visto che gli smartphone stanno diventando sempre più potenti dei portatili questo è un progetto per il futuro!
    In futuro non porteremmo più dietro il portatile ma tireremmo fuori lo SP e attaccandoci mause/tastiera/monitor in ufficio/casa lo useremo come tale. In giro basterà un monitor portatile o gli occhiali-monitor e potremmo lavorare anche in tram.
    .
    Ciao

  21. [21]

    Tranquillo Salvatore.
    O è un troll, e allora meglio ignorarlo, oppure è proprio di suo così, e mi sa a quel punto che serve a lui il reparto neurologia.

Inserisci il tuo commento