VIA APC: un nuovo mini PC basato su ARM

VIA_APC_minipc

Tutti conoscono Raspberry Pi, il famoso mini PC basato su architettura ARM che con pochi euro permette di avere un vero e proprio computer che ci permette di svolgere tutte le operazioni quotidiane che un utente medio porta a termine: navigare, editare testi, ascoltare musica, guardare video in HD, e altro.

Di progetti simili a Raspberry Pi ne sono nati a bizzeffe: uno di questi che recentemente è arrivato nel mercato, ed è Via APC 8750 un mini PC che monta:

  • Processore WonderMedia basato su ARM11;
  • 512Mb di Ram DDR3;
  • 2 GB memoria flash;
  • 4 porte USB 2.0;
  • uno slot per microSD;
  • 2 uscite video una VGA e una HDMI

Tutto questo è disponibile a soli 40 euro (49 dollari, ovviamente sono escluse le spese di spedizione) con Android 2.3 preinstallato (in alternativa possiamo scegliere tra Fedora o Arch Linux). Se siete interessati al VIA APC qui potete trovare tutti i dettatagli hardware nel comunicato della VIA.

Tag: , ,

Commenti

  1. [1]

    Guarda che un 800mhz non ce la farebbe con android 4.03 viene fornito android 2.3 customizzato per permette un migliore uso di tastiera e mouse.
    Di arch e fedora dove hai letto?

  2. [2]

    Esiste ancora gente che valuta la potenza di un processore basandosi esclusivamente sul clock?

  3. [3]

    questo come dotazione di porte e connessioni, mi sembra più interessante dei concorrenti lillipuziani.

  4. [4]

    @cristian
    Si specialmente quando è single core e la dotazione di cache è ridicola, lo conosco il WM8750.

  5. [5]

    @cristian
    poi sul sito:
    http://apc.io/about/
    lo dicono chiaramente che verrà fornito con android 2.3.

  6. [6]

    Anche questo mi sembra un Tablet “dimezzato” anche se come punto di forza vedo l’uscita vga..

    nel Raspberrypi vedo molto comodo invece l’utilizzo delle schede sd per il sistema operativo visto che basta cambiare scheda per cambiar ondo d’uso (come ai tempi dei floppy per i 286)

  7. [7]

    @michelangelog

    Hai ragione uscirà con Android 2.3, correggerò il post, grazie per la segnalazione :)

  8. [8]

    In realtà teoricamente tutti i device su cui gira android 2.3 dovrebbero essere compatibili con android 4.
    Il problema non è tanto nel kernel: linux 3.0.1 per android 4 e 2.6.35 per android 2.3, il kernel 3 di linux gira tranquillamente anche su processori abbastanza indegni (ho fatto personalmente installazioni di crux i586 su un pentium a 200mhz), il problema è la gui di anroid 4 che è un pò pesa per questi dispositivi. Oltretutto i 512 mega sono condivisi tra cpu e gpu, la cpu è un arm ARM1176JZF che è single core e pure la cache è limitata, ha solo la L1 con 4 blocchi da 16k che puoi configurare per fare il caching di istruzioni oppure di dati, diciamo che con trucchi particolari puoi arrivare ad avere 32k di cache per i dati e 32k per le istruzioni.
    Ed è molto probabile che a meno di personalizzazioni estreme di android 4 una versione vanilla sarebbe terribilmente poco performante.
    Paradossalmente secondo me un archlinux arm con una gui ad hoc si comporterebbe molto meglo di android, specie nel campo delle specializzazione estrema.
    Io ci farei una mame machine con un frontend fltk minimale (e mi basterebbe twm come window manager!).
    Quindi si in questo specifico caso, visto che non c’è altro di supporto, (no cache, no multicore, no ampio numero di registri) i megahertz del processore contano.

  9. [9]

    Solo un’osservazione LOLlosa (perdono): ai miei tempi i mini erano grossi come un armadio quattro stagioni, OK, i tempi cambiano ;-)

  10. [10]

    @michelangelog
    io penso che basta non avere pretese assurde da questi aggeggi, e fargli fare quello che possono fare, un piccolo mediacenter per chi per motivi di spazio non può usare il pc, anche se i formati supportati sono SOLO quelli previsti dal decoder HW e quindi profili molto ridotti, music center, che so una televetria e poco più, oppure se ai programmare compiti CUSTOM, che so centrakino, antifurto eccetera.
    Editare documenti, navigare, giocare me li vedo male, giusto giusto per un mega-casual-user a cui perà qiesto prodotto NON è destinato.
    Più adatto ad un tecnico software che vuole innaffiare automaticamente il giardino e accebdere le luci esterne la sera …

  11. [11]

    Propongo un’idea: fare una comparativa tra tutti questi prodotti? Giusto per metterli a confronto e chiarire un po’ di dubbi a chi fosse interessato all’acquisto ma si trova spaesato.

  12. [12]

    @telperion secondo me le prestazioni sono più buone di quello che possono sembrare per navigazione, office e giochi non hardcore come dici te sono perfetti.
    il geek vero ci farà invece bene altro!
    non avendo uscite analogiche per fare la serra automatica meglio arduino mega

  13. [13]

    @michelangelog
    aggiungi una Scheda Relè con connessione USB (45€) e magari una webcam con rilevamento movimento e un mini sito web, e controlli/agisci pure a distanza con un tefefonofurbo, cosi annaffi i ladri di pomodori dopo aver fatto loro la foto …
    Arduino mi pare costi di più e magari è più difficile fare un programma che non su Android, ma non saprei con certezza.

Inserisci il tuo commento