Tag Archives: theora

H.264 Video Codecs Comparison 2010: buoni risultati per x264 e VP8

Buone notizie per gli encoder video open source: puntuale come ogni anno è infatti arrivato il rapporto sulla qualità dei codec H264 stilato dal Graphics and Media Lab della Moscow State University e x264 risulta essere tra i migliori sulla piazza.

Il popolare progetto si è infatti posizionato in cima alla classifica finale, superando agilmente gli avversari proprietari (rappresentati principalmente da MainConcept e DivX H.264). Nel confronto c’è stato spazio anche per VP8

Continua »

Tag: , ,

Steve Jobs minaccia Ogg Theora

Dopo aver bersagliato Flash, Steve Jobs non ha perso l’occasione per minacciare Ogg Theora. Direttamente dalla Free Software Foundation Europe, Hugo Roy ha scritto una lettera aperta a Jobs chiedendogli conto delle sue affermazioni riguardo l’aver definito più “open” del Flash di Adobe una tecnologia come H.264 che invece è gravata da numerosi brevetti (i lettori abituali del blog non hanno bisogno di ripassi al riguardo).

La risposta di Jobs è tanto lapidaria quanto minacciosa:

Tutti i code video sono coperti da brevetti. Un pool di brevetti è stato assemblato per attaccare Theora e altri codec “open source”. Sfortunatamente, solo perché qualcosa è open source, non garantisce che non infranga qualche brevetto. Uno standard aperto è differente dall’essere libero da royalty o open source.

Continua »

Tag: , ,

Google finanzia una versione di Theora per ARM

Dopo tante batoste, finalmente qualche buona notizia per Ogg Theora. Google ha deciso di finanziare una versione del codec video Theora ottimizzata per processori ARM chiamata TheorARM.

A spingere Google su questo cammino è la relativa semplicità del codec open source, che rende Theora non troppo esoso di CPU in fase di decodifica. Nonostante questo, però, Theora non è abbastanza “semplice” per essere decodificato live sui terminali mobili, quasi tutti equipaggiati con processori ARM.

L’assenza di chip dedicati a tale scopo (che invece esistono per altri codec più blasonati come H.264) fa sì che attualmente pochissimi dispositivi mobili sono in grado di fare la decodifica di Ogg Theora. Nemmeno gli stessi terminali Android sfuggono a questo problema.

Continua »

Tag: ,

Open Video Alliance vuole formati video aperti su Wikipedia

In questi giorni è partita un’interessante campagna promossa da Open Video Alliance, la coalizione che ha come scopo la diffusione di formati video aperti: il tema centrale è la questione dei filmati su Wikipedia, e l’intenzione è proprio quella di arricchire i contenuti con video per aumentarne la completezza ed esprimere concetti ed informazioni che spesso le semplici righe di testo non sono in grado di mostrare.

Per l’occasione è stato anche realizzato un sito web che mette in maggiore luce tale iniziativa, ed aiuta sia a comprenderne i motivi, sia ad avvicinarsi al progetto, con alcuni tutorial che permettono di comprendere chiaramente come contribuire.

Continua »

Tag: ,

H.264 meglio di Theora. Ed è subito polemica

Non lasciano adito al dubbio i test condotti da Jan Ozer, esperto in media streaming: H.264 offre risultati di gran lunga migliori di Ogg Theora. Nell’esperimento non solo H.264 ha surclassato Theora a parità di bitrate, ma anche quando il bitrate era nominalmente a sfavore del blasonato codec proprietario.

Uno scontro da cui Theora è uscito abbastanza malconcio da richiedere l’intervento di Greg Maxwell, in rappresentanza della stessa fondazione Xiph che sviluppa il codec open source. Maxwell ha fatto notare che il test non è stato del tutto corretto, che i parametri scelti per la codifica di Theora erano per nulla ottimizzati e che era stata usata una versione del codec (quella per Quicktime) che non è particolarmente seguita e aggiornata da Xiph.

Stesse obiezioni mosse a KeyJ, blogger e sviluppatore, che armato di SSIM (un algoritmo per la misura oggettiva della qualità) ha confrontato H.264, MPEG4, Theora e Dirac. In questo, addirittura, il test sarebbe stato inficiato dall’utilizzo di una versione ormai obsoleta del codec. Per la cronaca: anche nel test condotto da KeyJ H.264 ha vinto su tutti i campi.

Continua »

Tag: , , ,

H.264, no grazie: le motivazioni di Mozilla

Ora che la questione codec è tornata alla ribalta, con l’introduzione di HTML5 e dei video nativi su YouTube e Vimeo, Mozilla ha espresso senza se e senza ma la sua posizione al riguardo: H.264 non verrà mai usato in Firefox. A presentare le ragioni di Mozilla è Mike Shaver, a capo del settore engineering.

La questione “codec” è ritornata in auge dopo che YouTube che Vimeo hanno avviato una sperimentazione del tag di HTML5 scegliendo proprio H.264, nonostante questo sia supportato al momento da una fetta esigua di browser (Chrome e Safari). Dailymotion, che già da alcuni mesi porta avanti una sperimentazione simile, si è invece schierata dalla parte open e ha scelto Ogg Theora, supportato da Firefox, Opera e Chrome, e spinto soprattutto da Mozilla e Opera.

Le ragioni del no tutte incentrate sulla natura proprietaria del codec: chiunque voglia implementare H.264 all’interno di un prodotto deve pagare una licenza annuale di 5.000.000 di dollari (poco più di 3,5 milioni di euro al cambio attuale).

Continua »

Tag: , , , ,

Dailymotion adotta HTML5/Ogg: inizia la rivoluzione?

Dailymotion è un servizio di hosting video molto popolare e, proprio come il più noto YouTube, offre i contenuti multimediali caricati dai suoi utenti attraverso un player Flash.

Primo nel suo campo, però, Dailymotion ha lanciato una versione del suo servizio che, anziché utilizzare Flash, sfrutta le potenzialità del tag <video> di HTML5 e il supporto integrato in Firefox 3.5.

Continua »

Tag: , , , ,

Il codec Theora giunge alla versione 1.0

Buone nuove in arrivo dal settore dei codec aperti: dopo ben 7 anni di sviluppo, infatti, ecco l’arrivo della versione 1.0 di Ogg Theora, il celebre formato di compressione video utilizzato già in larga scala.

L’annuncio ufficiale, inoltre, parla di un’altra importante novità: le prossime versioni di Firefox e Opera, infatti, supporteranno il formato Theora attraverso l’elemento di HTML 5. Vediamo quali sono le altre innovazioni di tale formato.

Continua »

Tag: , ,

I 5 motivi per evitare iPhone 3G secondo la Free Software Foundation

5 reasons to avoid iPhone 3G, i 5 motivi per evitare iPhone 3G, questo il titolo di un duro attacco sferrato dalla Free Software Foudation contro il nuovo telefonino Apple, da oggi disponibile in tutto il mondo.

Stallman e soci ritengono che iPhone insinui in maniera subdola nelle tasche degli utenti “il Male”, che per i paladini del software libero si chiama Digital Restrictions Management (DRM). Un’accusa che FSF aveva già da tempo rivolto allo smartphone made in Cupertino anche in occasione del lancio della prima versione di iPhone attraverso il sito Defective by Design.

Ma quali sono le motivazioni della FSF per dissuadere gli utenti dall’acquisto di iPhone?

Continua »

Tag: , , , ,

Nokia dice no al formato Ogg

Nokia si è opposta fermamente all’introduzione del formato OGG all’interno del futuro standard HTML 5. Il consorzio W3C, che si occupa di definire gli standard in uso sul Web, ha infatti introdotto in un draft i formato Ogg Theora e Ogg Vorbis come predefiniti per l’HTML che verrà.

Da qui la presa di posizione di Nokia, secondo cui Theora, il codec video, in realtà è una tecnologia proprietaria. Senza mezzi termini si può affermare che ciò è falso: Theora è, e rimarrà, libero.

Nokia, prende la stessa posizione di Apple, preferendo i formati H.264 per il video e AAC per l’audio.

Continua »

Tag: , , , ,